Dark Night

 -  -  5

‘Dark Night’, diretto da Tim Sutton e interpretato da Robert Jumper, Eddie Cacciola, Aaron Purvis, Shawn Cacciola, Anna Rose Hopkins, è liberamente ispirato al caso del massacro avvenuto il 20 luglio del 2012 ad Aurora, Colorado, dove il ventiquattrenne James Eagan Holmes durante la proiezione di mezzanotte del film ‘The Dark Knight Rises’ di C. Nolan, lanciò granate di gas lacrimogeni contro il pubblico e sparò agli spettatori con diverse armi da fuoco. Dodici persone persero la vita e altre 70 rimasero ferite. Il film di Sutton ambientato in un anonimo paese della provincia americana è il racconto di una giornata, la giornata prima di un attentato criminale, in cui sei sconosciuti – tra cui l’attentatore – vivono con disagio un’esistenza segnata da paure e violenza. I sei protagonisti sono persone riconoscibili ognuno di loro potrebbe essere un nostro parente, il compagno di stanza al college, un vicino di casa. ‘Dark Night’ non è una semplice cronaca, ha una narrazione frammentaria e anticonvenzionale, incentrata più sulle sensazioni che sui fatti, che rende ancor più tormentata l’intera visione. Ha un andamento narrativo simile ad un imbuto, che risucchia lo spettatore in una spirale. È un film opprimente, che ci porta a riflettere su quanto sia diffuso l’uso delle armi in America e sull’alienazione contemporanea, puntando su uno stile asettico che viene valorizzato da una colonna sonora di grande suggestione. Tocca temi purtroppo molto attuali, viste le recenti stragi nelle scuole americane e il crescente clima di odio e intolleranza che sta invadendo anche il nostro paese. Presentato al Sundance Film Festival nel 2016 ha vinto il Premio Lanterna Magica alla settantatreesima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, nella sezione Orizzonti de La Biennale di Venezia 2016.

SOLO TRE AGGETTIVI

  • Duro
  • Opprimente
  • Anticonvenzionale

solo la locandina

solo il trailer ufficiale

solo qualche immagine

5 recommended