Take Me (I’m yours) dal 31 maggio al 15 agosto Roma

 -  -  3

Una mostra collettiva da non perdere presso L’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici: dal 31 maggio al 15 agosto ‘Take Me (I’m yours)’ a cura di Christian Boltanski, Hans Ulrich Obrist, Chiara Parisi. Il vernissage è previsto giovedì 31 maggio, alle 17.30 ci sarà il Talk di Hans Ulrich Obrist con artisti e invitati speciali, alle 19.00 l’apertura al pubblico. Take Me (I’m yours) è dedicata all’artista belga Jef Geys, recentemente scomparso e sostenitore di un’arte concettuale rivoluzionaria, alla base della prima edizione della mostra. Concepita nel 1995 da Christian Boltanski e Hans Ulrich Obrist per la Gallery Serpentine di Londra, Take Me (I’m yours) ha avuto — grazie alla sua riproposizione nel 2015 a Parigi insieme a Chiara Parisi — numerose orchestrazioni, e ogni volta si arricchisce e si sviluppa, coinvolgendo un numero sempre maggiore di artisti invitati a interrogarsi su questo format. Luogo di produzione e di sperimentazione, ogni anno Villa Medici accoglie artisti e ricercatori di nazionalità, generazioni e discipline diverse, offrendo loro l’opportunità di dedicarsi pienamente alla propria ricerca. La mostra raccoglie i progetti dei borsisti: Giulia Andreani, Juan Arroyo, Eric Baudelaire, Boris Bergmann, Lise Charles & Aurelien Dumont, David Douard, Maxime Guitton in collaborazione con il celebre musicista e compositore Alvin Curran, Cyril Gerbron, Claire Lavabre, Marc Leschelier, Roque Rivas, Moussa Sarr, Stephanie Solinas, Odysseas Yiannikouris in collaborazione con Alessandra Monarcha. Vede inoltre la partecipazione degli artisti di fama internazionale di generazioni e provenienze geografiche diverse: Aaajiao, Adnan Etel, Micol Assaël, Artur Barrio, Gianfranco Baruchello, Christian Boltanski, Mohammed Bourouissa, Pedro Victor Brandão, Paulo Bruscky, James Lee Byars, Luis Camnitzer, Cao Fei, Maurizio Cattelan, Liliana Cavani, Ian Cheng & Rachel Rose, Claire Fontaine, Patrizio Di Massimo, Maria Eichhorn, Simone Fattal, Hans-Peter Feldmann, Andrea Fraser, Charles Gaines, Martino Gamper, Mario García Torres, Alberto Garutti, Gilbert and George, Dominique Gonzalez-Foerster, Felix Gonzalez-Torres, Joseph Grigely, Ho Rui An, Carsten Holler, David Horvitz, Fabrice Hyber.t, Invernomuto, Alex Israel, Alison Knowles, Koo Jeong-A, Felice Levini, Armin Linke, Franck Krawczyk, Ugo La Pietra, Fernanda Laguna, Jorgi Macchi, Angelika Markul, Annette Messager, Bruce Naumann, Rivane Neuenschwander, Otobong Nkanga, Yoko Ono, Luigi Ontani, Philippe Parreno, Diego Perrone, Cesare Pietroiusti, le point d’ironie, Emilio Prini, Faith Ringgold, Martha Rosler, Anri Sala, Studio Tomas Saraceno GmbH, Tino Sehgal, Daniel Spoerri, Wolfgang Tillmans, Rirkrit Tiravanija, Franco Vaccari, Francesco Vezzoli, Danh Vo, Lawrence Weiner e Franz West. L’esposizione a Villa Medici è concepita come un cantiere, secondo la tradizione rinascimentale, dove tutte le discipline si mescolano nella costruzione di un progetto unitario. Una vera industria urbana nella quale si ritrovano artisti, architetti, designer, musicisti, scrittori, che per intere giornate lavorano insieme. Collocando il visitatore al centro del progetto, Take Me (I’m yours) si trasforma giorno dopo giorno e permette al pubblico di fare un’esperienza unica d’incontro con l’arte, in tutte le sue forme. La mostra abbatte la barriera fisica e morale che generalmente separa i visitatori dalle opere d’arte, invitandoli a portarle con sé, a continuarle, a dar loro una nuova vita, a prendere il tempo per un incontro e condividere un ricordo L’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici ringrazia tutti i partner che permettono la realizzazione di questa mostra. Un grazie particolare a: Amundi Asset Management, Fondation Jean-Luc Lagardère, Académie des Beaux-Arts, Pirelli Hangar Bicocca, Istituto Luce Cinecittà, Cinecittà si Mostra, agnès b., Vranken-Pommery, Air France, Design Partner Saint-Gobain Glass, Panalight, MITSafetrans, Augustus Color, Lavazza.

per saperne di più

https://www.facebook.com/events/161394087890680/

solo il video

Pubblicato da Villa Medici – Villa Médicis su mercoledì 16 maggio 2018

3 recommended