Scatti di Scultura 13 ottobre Roma

 -  -  6

La mostra ‘Scatti di Scultura’ si inaugurerà il 13 ottobre 2017 dalle ore 18,30 nello spazio espositivo dello studio di Architettura di Simona Ruggeri e Federico Celletti e sarà aperta fino al 29 novembre 2017.  La mostra di Bruno Panieri e Federico Celletti si articola in due filoni: le fotografie di Bruno Panieri sono una documentazione delle statue collocate negli archi del piano terreno del cosiddetto Colosseo quadrato, il Palazzo della civiltà italiana che si trova all’Eur; le fotografie di Federico Celletti delle sculture di Mitoraj a Pompei indagano i rapporti fra archeologia e scultura. Bruno Panieri, nato a Roma nel 1962, dice: “Se dovessi definire con una parola il mio rapporto con la fotografia, direi che questa parola è ‘dilettante’, dando a questa parola il significato proprio ed autentico di colui che si diletta”. E poi sulla mostra: “Prima di andare a fotografare il cosiddetto Colosseo quadrato, il Palazzo della civiltà italiana, mi sono documentato un po’ su internet, per vedere se tiravo fuori qualche spunto un po’ nuovo. Tra le cose che mi hanno colpito, c’è il fatto che non esiste quasi nessuna documentazione fotografica sistematica delle statue collocate negli archi del piano terreno. Così questo diventa l’oggetto di questo piccolo progetto fotografico, di carattere eminentemente documentaristico, nel tentativo di lasciare una piccola traccia filologica di queste opere”. Federico Celletti ci parla della sua esperienza a Pompei: “Camminare per le strade di Pompei è di per se una delle esperienze più toccanti che un uomo possa compiere, farlo nel periodo in cui erano esposte le opere di Mitoraj è stato un privilegio che mi sono concesso più volte, e più volte riflettendo sul plus valore che le operazioni di ‘ibridazione’ riescono a creare. Portare nel tempio dell’archeologia le opere di uno scultore contemporaneo, seppure profondamente permeate di mito e classicità, dà il senso di quanto siano, spesso, consequenziali le nostre scelte. Le mie fotografie non sono documentaristiche, non rappresentano né le opere in sé, né lo spazio in sé, sono alla ricerca costante di un dialogo fra antico e moderno, dialogo che solo l’uomo può concludere, nel suo sguardo. Le opere di Mitoraj ci ricordano, nella loro immanenza, il valore profondo della classicità nella cultura contemporanea. A Pompei, come scrive Théophile Gautier nel 1852 – due passi separano la vita antica dalla vita moderna”. E poi, parlando di se stesso: “Nasco a Roma nel 1973 e dalla nascita sono immerso in un’ambiente legato all’architettura ed al design. La passione per l’architettura guida i miei primi viaggi attraverso l’Europa e da allora la reflex diventa una fedele compagna di viaggio, il mio taccuino d’appunti. Parallelamente al lavoro da architetto, che dal design mi porta fino al restauro ed all’archeologia, cresce la passione per la fotografia e la reflex da semplice taccuino diventa strumento per indagare il mondo che mi circonda, lo strumento che mi permette a posteriori di indagare i rapporti spaziali tra arte, architettura e scultura”. La mostra è realizzata in collaborazione con ‘I quaderni di Semplicemente Fotografare’, attività di derivazione virtuale di ‘Semplicemente Fotografare’, attiva su facebook dal 2013 con degli obiettivi comuni: migliorarsi reciprocamente con una sana discussione intorno alla fotografia, senza perdere di vista che la fotografia è sì passione, ma anche divertimento ed una buona dose di goliardia. Usare la piattaforma ‘webbica’ per proporre ed organizzare progetti da realizzare nel ‘reale’. Un successo rapidissimo derivato dalla ampia condivisione dei temi e dei modi in cui vengono affrontati. La particolarità che rende unico il gruppo è infatti l’affiatamento dei partecipanti sia nel virtuale che nel reale e la costante attività che anima lo spazio virtuale, ma che poi confluisce in una sinergia reale importante e concreta.” Le attività de ‘I quaderni di Semplicemente Fotografare’ sono sostanzialmente mostre monografiche che vengono realizzate in collaborazione e nello spazio espositivo dello studio di architettura di Federico Celletti (www.federicocelletti.it) e Simona Ruggeri. La mostra Scatti di Scultura è il secondo evento dopo quello fatto il 23.04.2017 da Giorgio Rossi e Lia Alessandrini (fondatori dell’associazione Semplicemente Fotografare). Lo studio di architettura di Simona Ruggeri e Federico Celletti ospita regolarmente mostre, sia di pittura che di fotografia, nell’ottica di un proficuo scambio culturale ed artistico tra architetti, artisti e clienti dello studio che arricchisca ogni parte in atto.

per saperne di più

https://www.facebook.com/events/274632046385252/

6 recommended