Mario Vegliante

 -  -  10

Perché se cadi e non ti puoi rialzare la vera forza è camminare in ginocchio.

Ho sempre amato leggere e scrivere sin da giovanissimo, al liceo passavo le ore di lezione più soporifere mettendo su carta i miei pensieri, mentre dopo cena passavo le mie serate in compagnia di Isaac Asimov, John Le Carrè o Gabriel Garcia Marquez. Una vita lavorativa ed una carriera passata nel commerciale, con varie aziende, con vari ruoli ed in vari luoghi. Poi a 39 anni, dopo aver scoperto di essere affetto dalla malattia di Parkinson, la mia vita è cambiata; ho perso  salute, famiglia, lavoro ed a causa dei farmaci sviluppato una dipendenza dal gioco d’azzardo. Non mi sono mai abbattuto grazie alla mia forte ironia, mi sono tatuato alla base del collo la scritta Highlander, rifugiato nella scrittura terapeutica ed ho iniziato il mio viaggio attraverso rime, poesie, racconto.
Oggi, grazie alla mia opera prima “La mia vita e Mr. Park” posso definirmi scrittore. Questo percorso mi ha reso una persona migliore ed un punto di riferimento per molte persone che traggono forza dalla mia forza… Amo questa mia nuova strada.

SOLO TRE DOMANDE

  • De­scri­vi­ti  con solo tre ag­get­ti­vi
    • Highlander
    • Simpatico
    • Intelligente
  • Il solo even­to che mi ha cam­bia­to la vita
    • La nascita di mia figlia, Lucrezia, di cui mi sono innamorato istantaneamente, come l’ho toccata; quello è stato il primo evento che mi ha cambiato la vita, poi l’amico Mr Park sicuramente è il secondo, però insomma, è una convivenza un po’ forzata, della quale non si può fare a meno.
  • Solo un link so­cial­men­te uti­le
    • Non ne ho uno in particolare, ce ne sono diversi di siti di associazioni per malati di Parkinson, con alcuni collaboro, scrivo qualche post, mi piace legger di altre storie e far sapere della mia.

PER SAPERNE DI PIÙ SU DI ME

https://www.facebook.com/mario.vegliante

solo qualche immagine

 

10 recommended