Unforgettable & The Steel Man Project di Marianna Andolfi dal 30 novembre al 7 dicembre Roma

 -  -  5

Con grande piacere vi segnaliamo la mostra ‘Unforgettable & The Steel Man Project’ di Marianna Andolfi dal 30 novembre al 7 dicembre presso Monty & Company a Roma! Il vernissage avrà luogo sabato 1 dicembre dalle 18:00 alle 22:00. La mostra, a cura di Valentina Ferrari, si snoda tra le due sedi della Galleria Incinque Open Art in Via della Madonna dei Monti 27 e 69 dove saranno presentati l’installazione Unforgettable, esposta anche durante la serata di chiusura della Rome Art Week e gli ultimi lavori del The Steel Man Project, un progetto che indaga sull’essere umano e la sua visceralità, andando a fondo delle sue debolezze e più squisite fragilità.
L’installazione Unforgettable: piccole, flebili, leggere, le farfalle di Marianna Andolfi, nella loro delicatezza oscura, si aggregano in una densa nuvola spogliandosi dei tratti allegri e colorati comunemente associati al loro aspetto, sostando nella loro natura di insetto. Per l’artista queste creature rappresentano gli incubi, brutti paesaggi teatri delle nostre più grandi paure e più spinose insicurezze. Situazioni paradossali dalle quali ci svegliamo con pesante senso di oppressione, quel senso di spaesamento e disagio che attacca e si attacca, rimanendo impresso nella mente. Unforgettable: indimenticabile, come un incubo, il più impressionante dei sogni, perché il cervello, si sa, ricorda con più ostinazione ciò che turba e scuote. E così, una volta entrati nell’opera, le farfalle ci accerchiano, ci toccano, ci obbligano a scontrarci con loro, lasciandoci intrappolati nel loro vortice.
Marianna Andolfi, nata a Bogotà nel 1991, vive e lavora a Roma, dove è cresciuta. Affascinata dalla fotografia e dalle arti visive, frequenta l’Università delle Belle Arti a Roma laureandosi nel 2015 in pittura e fenomenologia delle arti contemporanee. Partecipa come pittrice a diversi contest per giovani artisti ottenendo brillanti risultati, ma presto il suo interesse si sposta fuori dalla tela. Il fascino dei materiali, come lo zinco e il legno, che scalfisce creando calcografie e xilografie la portano ad avere un interesse sempre più forte per la scultura. Da questa nuova consapevolezza nasce lo Steel Man Project, una serie di lavori il cui centro è l’uomo nella sua visceralità più profonda. Le sculture di Marianna, nate da fili di acciaio che l’artista tesse sapientemente, sono fragili, delicate e estremamente espressive. Uomini che si snodano in abbracci e fughe, fragili, senza pelle, lasciati in mostra allo spettatore nella loro parte più intima.
Marianna distrugge con dolcezza la staticità e la freddezza tipica del lavoro scultoreo, creando opere che sanno e fanno emozionare.

Per saperne di più

https://www.facebook.com/events/257671698252888/

5 recommended