Arianna Angelelli

 -  -  1

Arianna Angelelli è laureata in Storia dell'Arte. Da dieci anni lavora nei musei, ha iniziato come guida e da oltre cinque anni è curatrice delle mostre. Nel suo percorso lavorativo rientrano anche le visite guidate dedicate alle persone con varie disabilità. Arianna ha infatti seguito corsi mirati per accompagnare nelle visite ai musei coloro che hanno disabilità visive e uditive. L'abbiamo incontrata in occasione della mostra "Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione" da lei curata insieme a Federica Pirani, Gloria Raimondi e Daniela Vasta, aperta al pubblico dal 25 gennaio al 13 ottobre 2019 presso la Galleria d'Arte Moderna di Roma. Un'esposizione si propone di mostrare la rappresentazione femminile attraverso la storia, seguendo l'evoluzione dell'immagine della donna come protagonista della creatività dalla fine dell'Ottocento alla contemporaneità. Una riflessione sulla figura femminile attraverso la visione di artisti che hanno rappresentato e celebrato le donne nelle diverse correnti artistiche e temperie culturali tra fine Ottocento, lungo tutto il Novecento e fino ai giorni nostri. Ecco cosa ci ha detto Arianna a proposito della mostra: "E' un percorso che mette in risalto il ruolo della donna dal punto di vista di artisti maschili, è un percorso diviso in aree tematiche ma nello stesso tempo segue una linea cronologica tra Ottocento e Novecento sul dilemma femme fatale - figura della donna angelicata, fino all'emancipazione degli anni '60 e '70. Un percorso di riappropriazione della propria identità e della propria autonomia".

SOLO TRE DOMANDE

  • Mi de­scri­vo con solo tre ag­get­ti­vi
    • Eclettica
    • Rispettosa
    • Curiosa
  • Il solo even­to che mi ha cam­bia­to la vita
    • Visitare la mostra di Monet al Vittoriano nel 1997
  • Solo un link so­cial­men­te uti­le
    • Non uno ma tutti quelli che si occupano di cultura

per saperne di più sulla mostra

http://www.galleriaartemodernaroma.it/it/mostra-evento/donne-corpo-e-immagine-tra-simbolo-e-rivoluzione

SOLO tantE IMMAGINi