Il pensierino della domenica 76 di Frankie

 -  -  5

Ieri ero seduta in spiaggia e a un certo punto ho sentito qualcosa sul piede. Uno scarafaggio nero. Come al solito ho iniziato a giocarci prima di rimetterlo sulla sabbia. In linea di massima non ho la fobia degli insetti, certo preferisco coccinelle, grilli e formiche a vermi e cimici, ma è più che altro per una questione estetica. Ovviamente non toccherei quelli urticanti o velenosi tipo scorpioni per timore del pizzico e non per l'aspetto. In fondo perché la maggior parte degli insetti viene eliminata e scacciata? Per l'aspetto o la reale pericolosità? Nella vita anche le persone a volte ci ingannano, non è detto che se sono belle fuori poi lo siano anche dentro e vadano bene per noi. Tornando a scarafaggi & company, se c'è chi soffre di entomofobia (il timore o l'avversione nei confronti degli insetti) c'è anche chi non ne ha paura, chi li studia, chi li colleziona, chi li mangia... In varie parti del mondo gli insetti sono addirittura cibi prelibati, tra le specie più consumate ci sono gli oleotteri (maggiolini, scarafaggi), gli ortotteri (locuste, grilli, cavallette), i rincoti (cimici, pidocchi, coccidi), i tricotteri (vermi pelosi), gli aracnidi (ragni, scorpioni), i ditteri (mosche), gli omotteri (cicale), gli imenotteri (formiche, api, vespe). E dopo questo elenco non proprio appetitoso possiamo goderci il pranzo pasquale, con le persone giuste e con l'augurio di piccole e grandi resurrezioni soprattutto a chi ne ha bisogno ed è in difficoltà. Buona domenica di Pasqua a tutti.

SOLO TRE PAROLE

  • Insetti
  • Aspetto
  • Pasqua
5 recommended