Giuseppe Ragone

 -  -  8

Giuseppe Ragone, casse 1986, ha due lauree: la magistrale nel 2015 in “Forme e tecniche dello spettacolo” e la triennale nel 2008 in “Letteratura, musica e spettacolo”. Dal 2008 ha seguito vari seminari, master e laboratori in dizione, recitazione teatrale e cinematografica con Stefania de Santis, Massimiliano Bruno, Ilaria Iovine. Da oltre dieci anni lavora in teatro, cinema e televisione. Tra gli spettacoli teatrali ricordiamo "Pedigrì" di Giuseppe Ragone, Tiziano Scrocca e Josafat Vagni, "Pronto Francè?" di Massimiliano Ciarrocca, "Prove aperte" regia di Maurizio Lops, "R&G (tutto questo è già successo)" regia di Simone Leonardi. L'abbiamo visto in tv e nelle web series "Ta spantu" regia di Pierluca Di Pasquale, "Bleff regia di Loris di Pasquale, "Doggy style", "Effetto cabaretto", "Sii te stesso" "Il mestiere più antico e "Da parte di Don Tuninu" tutti diretti da Riccardo Rabacchi. Ha ricevuto il premio per il Miglior monologo allo Short lab 2016. Dal 2013 è Educatore Teatrale per bambini dai 4 ai 13 anni con l’associazione culturale “Il Flauto Magico”, inoltre è Trombettista in diverse formazioni jazz, blues e classiche e presentatore di eventi musicali. Al cinema è apparso in vari cortometraggi tra cui "Cinecittà dream" di Daniele Nannuzzi, "Without" di Paola Sinisgalli, "Sonderkommando" di Nicola Ragone (Vincitore ai Nastri d’argento 2015), "Subject 0 Shattered Memories" di Tiziano Cella, "Viva l’Italia" di Massimiliano Bruno. Nel 2017 ha lavorato con Massimiliano Bruno per la realizzazione del film "Beata ignoranza" dove ha interpretato la parte di Gianluca. Abbiamo incontrato Giuseppe Ragone al photocall del film "Gli Uomini d'Oro", il crime metropolitano uscito il 7 novembre 2019 ispirato a un’incredibile storia vera, diretto da Vincenzo Alfieri e da lui interpretato insieme a Fabio De Luigi, Edoardo Leo, Giampaolo Morelli, Mariela Garriga, Matilde Gioli, Susy Laude e con la partecipazione di Gian Marco Tognazzi. In questa occasione, oltre a rispondere alle nostre tre domande, ci ha descritto il suo ruolo: "Il mio personaggio si chiama Luciano Bodini ed è un baby pensionato che partecipa a questa rapina con gli altri protagonisti del film. Non è una sua iniziativa e si fa trascinare, vive sulla scia dell'amico Luigi (Giampaolo Morelli) non può far altro che accettare e subire poi le conseguenze di quello che succederà". Giuseppe ci ha anche raccontato della sua attività nel sociale: "Insieme ad un gruppo di artisti abbiamo creato un collettivo che si chiama Pedigrì con cui sosteniamo realtà che si occupano di cultura sul territorio https://www.facebook.com/pedigri2012/".

SOLO TRE DOMANDE

  • Mi de­scri­vo con solo tre ag­get­ti­vi
    • Basso
    • Simpatico
    • Tenace
  • Il solo even­to che mi ha cam­bia­to la vita
    • Il film "Gli Uomini d'Oro"
  • Solo un link so­cial­men­te uti­le

SOLO QUALCHE IMMAGINE

 

8 recommended