Solo Parole

Le ragazze di primavera - capitolo 3 di Artemisia

• Bookmarks: 3

Come vecchi amici si sedettero uno vicino all'altra, superato il primo disagio iniziale, la conversazione scorreva come un fiume in piena, argomenti diversi e disparati, da condividere e da discutere a seconda della propria opinione. Per una donna dell'epoca era impensabile poter esprimersi così liberamente, ma in quel contesto Marianna sapeva che non sarebbe stata nè criticata nè giudicata e si sentiva libera di poterlo fare. Il pomeriggio era iniziato, la canicola era diminuita, la bella festa festa si stava concludendo con saluti e arrivederci, anche i tre decisero di incontrarsi di nuovo e presto. Lo zio aspettava Marianna già seduto sul calesse con le briglie in mano, Fabrizio e Carlo lo ossequiarono con rispetto e, con un cenno della mano e un mezzo inchino, salutarono la giovane. Fabrizio era caduto in una sorta di sortilegio emotivo, l'animo del ragazzo improvvisamente si apriva ad un orizzonte nuovo fatto di intese, gioia e amore. Era la prima volta che gli capitava di essere cosi piacevolmente turbato. Marianna a sua volta, messa al corrente dell'interesse suscitato, rimase esterrefatta, non avrebbe mai immaginato ad un ripensamento. Aveva cercato di dimenticare quel voluto, ridicolo e mortificante incontro. Ora l'orizzonte infinito di sogni stava come per magia riaprendo le porte al futuro e all'amore.

3 recommended