Solo Eventi

Il Margutta Veggy Food & Art e la Galleria Federica Ghizzoni presentano"Plastica fatale" di Annarita Serra e Romana Zambon dal 19 maggio al 20 settembre

• Bookmarks: 5

 

Il Margutta Veggy Food & Art e la Galleria Federica Ghizzoni vi invitano alla mostra "Plastica Fatale" di Annarita Serra e Romana Zambon, dal 19 maggio al 20 settembre in via Margutta 118 a Roma!

LA MOSTRA

“Fatale” in quanto seducente e incantatrice, ma anche in quanto drammaticamente ineluttabile. L’accostamento di Annarita Serra e Romana Zambon, tra le artiste di punta della scuderia d’arte Galleria Federica Ghizzoni, nasce in armonia con la sensibilità di Tina Vannini e de Il Margutta Veggy Food & Art in merito alle sempre più emergenti tematiche ambientali, in collaborazione con D.d’Arte. L’esposizione "Plastica fatale", curata da Francesca Barbi Marinetti, propone 35 opere, con tecniche e formati differenti, che si potranno ammirare da giovedì 19 maggio, con vernissage dalle ore 18:30 alle 21:00, sino a martedì 20 settembre. Ingresso libero, tutti i giorni dalle 10 fino a chiusura.

LE OPERE IN MOSTRA

L’esposizione, fondendo la bellezza dell’arte con l’ironia delle due protagoniste, si propone come un gioco serio: Serra recupera gli scarti spiaggiati per ricomporli in opere d’arte, mentre Zambon offre agli occhi la freschezza di colori floreali cristallizzata in raffinati oggetti di plastica.

“Un gioco in cui rosa, gerbera e peonia strizzano l’occhio ad un “Urlo” imbrigliato da una chioma di paccottiglia monouso – spiega la curatrice Francesca Barbi Marinetti - spazzolini tubi reti contenitori accendini infradito, in osmosi con altro ciarpame irriconoscibile. L’attualità del tema assume forma poetica di denuncia, nelle composizioni fiorite e le nature morte di Zambon, e richiama con veemenza archetipi simbolici di bellezza e forza: Charlize, Marilyn, la Ragazza con l’orecchino di perla, ma anche lo Squalo a rischio di estinzione per ingestione di microparticelle di plastica. L’arte qui si fa messaggera di pericoli macroscopici, come lo sono le isole di plastica assemblate dalle correnti oceaniche, o talmente microscopici da mescolarsi al plancton. L’arte come messaggio in bottiglia, dunque, di plastica naturalmente”.

Le immagini della Zambon ritraggono fiori veri spettacolari rielaborati dall'artista come fossero realizzati con materie plastiche, provocatoriamente a rappresentare un mondo in cui anche la natura è realizzata senza più natura, e quindi fuori dalla realtà.

IL COMMENTO DELLE ORGANIZZATRICI

“La prima volta che mi sono imbattuta nelle opere delle artiste, pubblicate via social da Federica Ghizzoni, sono rimasta profondamente colpita non solo dal loro estro, ma anche dalla loro positività, nonostante il forte messaggio ambientale che intendono trasmettere – dichiara la titolare de “Il Margutta” Tina Vannini - Per me è un onore ospitarle all'interno delle nostre sale, affinché possano ispirare bellezza e promuovere azioni di sostenibilità”.

“Ambiente, sostenibilità e allerta sull’uso della plastica i temi della mostra che la galleria Federica Ghizzoni sta portando avanti, ora anche a Roma nei bellissimi locali de Il Margutta – spiega Federica Ghizzoni - Una provocazione in chiave artistica, sulla natura sempre più a rischio. Romana Zambon intende sensibilizzare il pubblico su azioni responsabili dal punto di vista ambientale per evitare di ritrovarci immersi in un mondo irreale, senza più fiori veri. Annarita Serra, attraverso una bellezza mascherante, testimonia invece il silenzioso grido di aiuto di una natura sempre più contaminata”.

la BIOGRAFIA DI ANNARITA SERRA

Annarita Serra, nata in Sardegna, si trasferisce a Milano, con la sua famiglia, che è ancora bambina. Frequenta il liceo artistico e si specializza in restauro di dipinti antichi. Dopo un’esperienza maturata nel campo del marketing, negli anni Novanta ritorna al suo primo amore: l’arte. Dopo aver approfondito un linguaggio pittorico più tradizionale, ritrova le sue radici in una ricerca volta a dare una nuova identità a materiali di recupero, con particolare attenzione alla plastica raccolta sulle spiagge della sua Sardegna. Annarita punta sull’utilizzo di oggetti frammentati e tracce di spazzatura, raggiungendo un impegno estetico intenso ed una energica, e insieme dolce, comunicabilità. L’artista, attraverso una bellezza mascherante, si fa testimone del silenzioso grido di aiuto di una natura sempre più contaminata.

la BIOGRAFIA DI ROMANA ZAMBON

E’ cominciata con alcune partecipazioni ad aste di charity la carriera di fotografa di Romana Zambon, milanese d’adozione, architetto e amante della fotografia. “Sono sempre stata attratta dalla forza del colore che associo a vari stati d’animo” afferma Romana quando parla della sua passione per la fotografia che ha trasformato in una professione e continua spiegando che “questo elemento, insieme all’armonia delle forme, colpisce la mia attenzione e la trasforma in scatto, in istante, in fotografia”. La sua fotografia senza titolo#17 è stata una delle 15 opere selezionate da BNL per a curator’s guide, al Mia Photo Fair 2017.

solo due opere di ANNARITA SERRA

solo due opere di ROMANA ZAMBON

 

 

5 recommended