Solo Eventi

“La legge del contrasto” - Lorenzo Marini realizza un obelisco specchiato per il Museo Acqua Franca

• Bookmarks: 10

 

Si è concluso sabato 28 maggio a Milano, il secondo appuntamento dell’ottava edizione del Festival Internazionale dei Depuratori a cura del MAF (Museo Acqua Franca) e dell’Associazione Culturale Arte da mangiare mangiare Arte, presso il Depuratore di Milano Nosedo. La manifestazione, con il patrocinio del Parlamento Europeo, della Regione Lombardia e del Comune di Milano, si propone di presentare i depuratori come luoghi emblematici di una nuova coscienza e prospettiva, necessarie per guardare alle sfide attuali in campo ambientale e sociale con sguardo e mente “depurati”. Il veicolo scelto per attuare questa depurazione di sguardo è il linguaggio universale dell'arte e della cultura, che riesce a raggiungere il cuore di questi temi e a sensibilizzare il pubblico. “FANGO: ripartiamo dai processi creativi” è il tema della mostra d’arte, inaugurata in occasione di questa edizione del Festival.

Tra gli artisti espositori, Lorenzo Marini ha presenziato con un’installazione dedicata al fango ed intitolata “La legge del contrasto”: un obelisco “parlante” in plexiglass specchiato che sorge dal fango, ricoperto dalle sue inconfondibili lettere, figlie del movimento di cui Lorenzo Marini è capostipite, la TypeArt.

L’idea di questa installazione parte dal contrasto.” – afferma Lorenzo Marini - “Contrasto tra fango e specchio. Contrasto tra il monocromatico e la tavolozza di tutti i colori delle lettere. Contrasto tra la forma circolare del fango e la forma geometrica della scultura. Contrasto tra orizzontale e verticale. Dalla terra nasce l’obelisco che rappresenta la storia del linguaggio umano. Esattamente come dallo stagno fangoso nasce il fior di loto, questo obelisco non è traccia della materia da cui è originato. Il fango rappresenta l’origine, il silenzio, il fluido. L’obelisco rappresenta la comunicazione, il cangiante, la geometria precisa.” – conclude.

Il MAF, Museo Acqua Franca, è l’unico al mondo con l’obiettivo di  continuare la ‘transizione ecologica iniziata a Milano 11 anni fa, grazie  alla creazione del Museo all’interno di un Depuratore, da me definito ‘La Cattedrale della Natura’.” – dichiara Ornella Piluso, Direttore Artistico del MAF – “Il depuratore è il simbolo dell’economia circolare. Ecco, credo che sia questo il concetto sul quale bisogna accendere i riflettori. Scosì non fosse, l’arte contemporanenon sarebbe protagonista. Il Movimento di pensiero raccoglie cittadini, critici, professionisti e personalità, per produrre orientamenti culturali attenti all’ambiente e al socialequindi al pianeta. Il MAF è un museo vivente, un  laboratorio di idee e di fatti.

“FANGO: ripartiamo dai processi creativi” è un tema di grande attualità che rafforza la sinergia fra il mondo dell’arte e quello della depurazione nello spirito della tradizione che ha sempre caratterizzato questa manifestazione. Il prossimo appuntamento dell’ottava edizione del Festival Internazionale dei Depuratori si terrà dal 12 luglio al 6 settembre presso la Centrale dell’Acqua di Milano. 

Lorenzo marini

Lorenzo Marini è un artista italiano che vive e lavora fra Milano, Los Angeles e New York. Dopo gli studi artistici e la laurea in Architettura a Venezia, nel 1997 fonda la Lorenzo Marini & Associati, agenzia con sedi a Milano e Torino e dal 2010 anche a New York. Nella sua carriera da art director viene insignito di oltre 300 premi nazionali ed internazionali. Artista multidisciplinare, si dedica negli anni a numerose attività: dal cartooning alla regia e dalla pittura alla scrittura. Nel 2016 Marini ha un’intuizione artistica che lo porta a celebrare la bellezza delle lettere. Le prime mostre si tengono a New York e Miami dove partecipa anche ad Art Basel Miami. Nel 2016 ha tenuto a battesimo, presso il Palazzo della Permanente di Milano, la “Type Art”, movimento di cui è caposcuola e che lo porta nel 2017 a esporre alla 57ª Biennale d’arte di Venezia.

Nel 2017 a Lorenzo Marini viene assegnato il premio Pubblicità nell’Arte, premio introdotto all’11esima edizione degli NC Awards. Dal 2019 collabora con Cramum e con Sabino Maria Frassà: l’installazione AlphaCUBE presentata per la DesignWeek 2019 da Ventura Projects, viene esposta a Venezia in occasione della 58ª Biennale d’arte, poi a Dubai e infine a Los Angeles. Nel 2020 vince il Mobius Awards di Los Angeles, premio di competizione internazionale per la creatività del nuovo alfabeto da lui creato, il Futurtype. Nello stesso anno presenta il nuovo ciclo di opere “Typemoticon” in occasione della sua personale “Out of Words” da Gaggenau Hub a Milano. Nel 2021 la sua antologica a Siena “Di Segni e Di Sogni”, è stata premiata come la mostra di contemporary art più visitata dell’anno, raggiungendo 50.000 visitatori. Nel 2022 la mostra personale “Olivettype” presso l’ex sede della Olivetti, oggi patrimonio Unesco a Ivrea. A giugno 2022 la Galleria Gracis di Milano ospita la mostra Alphatype2022 che propone venti opere di Lorenzo Marini, le quali documentano gli ultimi dieci anni di attività dell’artista. 

solo una immagine

 

10 recommended