Solo Eventi

VIAGGIO DI RITORNO. FIRENZE SI RACCONTA di Ilaria Guidantoni al Museo Piaggio di Pontedera il 16 dicembre

• Bookmarks: 4

 

Per il ciclo Letture d’inverno VESPA CHI LEGGE - Gli aperitivi letterari della Fondazione Piaggio venerdì’ 16 dicembre alle ore 19.00 presso l’Auditorium del Museo Piaggio avrà luogo la presentazione del libro: Viaggio di ritorno. Firenze si racconta (Oltre Edizioni) con l’autrice Ilaria Guidantoni!

La presentazione del libro è a cura di Valentina Filidei, le letture a cura dell’autrice Ilaria Guidantoni, gli intermezzi musicali sono di Dimitri Espinoza. Al termine della presentazione, seguirà l'aperitivo.

"Firenze è la mia origine, la culla nella quale sono stata coccolata, i miei primi ricordi nonché l’imprinting all’apprendimento, e ancora, i primi passi verso la curiosità, la smania di conoscenza che per chi viene dal cuore del Rinascimento non può essere secondaria".

il libro

Firenze, da cuore del Rinascimento a città chiusa su se stessa, con lo sguardo rivolto al passato, alla gloria cristallizzata nei musei e nei palazzi, un po’ imbastardita e impoverita, oggi abitata da turisti più che da cittadini, nutrita da una dialettica sconnessa tra bottegai, una sinistra dalla cultura spesso polverosa e intirizzita nel passato e una borghesia seduta sulle glorie che furono… e la voglia di tornare ad essere capitale. Ce la racconta una scrittrice nata a Firenze e “strappata” troppo presto alla sua città. Il suo viaggio di ritorno qui, dopo essersi “persa” nel Mediterraneo. Episodi tra fantasia, cronache, letteratura e aneddoti che raccontano Firenze, soprattutto attraverso incontri, vita quotidiana, quartieri popolari e nobiltà della città più aristocratica d’Europa; personaggi famosi e ricordi familiari di una fiorentina viaggiatrice. Il libro è un viaggio attraverso luoghi, monumenti, vie, ville, che si aprono come un sipario su un capitolo, lungo un secolo di storia, dal 1913 al 2013: dalla nascita di Vasco Pratolini – e della nonna Milena alla quale è ispirato il libro – che ha raccontato il popolo, l’impegno politico e sociale, la stagione del neorealismo di oltre mezzo secolo, al ritorno di Firenze “capitale”. Associazioni di idee portano in terre e tempi lontani, dalla fondazione e dalla sua vocazione per i fiori, già nel nome, fino alle guerre, all’età del fascismo, alle ferite dell’alluvione del 1966 e all’attentato dei Georgofili. Un cammino iniziatico nell’indole dei fiorentini, attraverso un percorso musicale, letterario e soprattutto gastronomico, tra cibi caratteristici, luoghi d’incontro e l’immancabile mercato centrale; oltre che le feste e le ricorrenze per una filologia emozionale. Firenze è vista nello specchio degli “altri”, soprattutto gli stranieri che l’hanno amata.

l'autrice

Ilaria Guidantoni, giornalista fiorentina e scrittrice, vive tra Firenze e la Toscana, Milano e Tunisi. Si occupa di temi legati alla cultura del Mediterraneo soprattutto della sponda sud e del mondo arabo: dialogo tra le religioni, movimenti femminili e femministi, tradizioni e cibo; rilettura della storia e dei linguaggi mediterranei. Collabora con Bebeez/Milano Finanza per le pagine culturali e per le Guide del Gambero Rosso. Tra gli ultimi lavori la traduzione, per la prima volta in italiano, e cura del Pasolini d’Algeria, Jean Sénac. Ritratto incompiuto del padre (traduzione e curatela di Ebauche du père di Jean Sénac (Oltre Edizioni, 2017) e della raccolta di poesie, lettere e scritti Jean Sénac Pour une terre possible (Oltre Edizioni, 2019). Ha pubblicato recentemente la traduzione e curatela dell’ultima opera di Jean-Jacques Rousseau, Le fantasticherie di un viandante solitario e sta traducendo sempre per Lorenzo de' Medici Press Poèmes di Odilon-Jean Périer, poeta belga di Bruxelles morto a 27 anni nel 1928.

solo due immagini

 

4 recommended