I bambini per il Flaminio

 -  -  5

In occasione dell'evento previsto per l'8 aprile, 'Riqualifichamo insieme il giardino di Via Flaminia - piazzale Cardinal Consalvi', organizzato dall'Associazione I Bambini per il Flaminio e Retake Roma Flaminio, abbiamo intervistato Enrica Di Battista, la presidente di 'I bambini per il Flaminio'. Questa associazione, molto attiva sul territorio, ha come obiettivo principale la promozione sociale per un quartiere, il Flaminio a Roma, a misura di bambino.

Solo tre domande ad Enrica Di Battista

  1. Come nasce l'Associazione I Bambini per il Flaminio
    • Nasce nel 2014 da un gruppo di genitori, nonni, educatori e insegnanti, che sono i soci fondatori, con lo scopo di "fare rete" nel Flaminio. Una rete di famiglie: per conoscersi, per un reciproco sostegno, per vivere spazi del quartiere spesso abbandonati e degradati oppure poco utilizzati, per chiedere più impegno a chi amministra il territorio. Una rete anche con i commercianti del territorio, spesso messi a dura prova da crisi e concorrenza varia.
  2. Quali sono le problematiche più urgenti del quartiere?
    • Sicuramente il Flaminio è un quartiere fortunato, abbiamo realtà come Auditorium e Maxxi, siamo centrali e ben collegati. Ma tutto ciò contrasta con il degrado di alcune zone limitrofe: piazza Mancini, lo stadio Flaminio, ma anche piazza Melozzo da Forlì, piazzale Manila. E poi anche qui c'è la sosta selvaggia di taxi e auto (piazza Carracci). Le strade e i marciapiedi con le buche, i giardini non curati, la scarsa pulizia di alcune zone del quartiere. C'è poi il problema del vicino stadio Olimpico, con migliaia di auto che prima delle partite invadono il quartiere e intasano parcheggi, strade e marciapiedi. Non dovrebbe esserci una ricaduta così pesante su un quartiere. Manca, come anche altrove, un controllo del territorio.
  3. Qual è stata l'esperienza più significativa che hai vissuto da presidente dell'Associazione?
    • Sicuramente vedere famiglie tornare in posti abbandonati da anni, come a piazza Mancini, dove abbiamo organizzato una bellissima festa di primavera con bolle di sapone giganti, i tamburi di una banda che si chiama La Caracca, laboratori artistici... E poi è emozionante vedere la soddisfazione sul viso dei partecipanti ai corsi di disostruzione delle vie aeree o ai corsi di primo soccorso pediatrico. È emozionante vedere un giardino riqualificato con una nostra giornata ecologica. Diciamo che l'emozione c'è ogni volta che organizziamo un evento e viene direttamente dal bellissimo riscontro che abbiamo con le famiglie che ogni volta ci danno fiducia e ci seguono!

Solo due link per saperne di più

La locandina dell'evento

5 recommended