Letterature – Festival Internazionale di Roma 19 giugno

 -  -  4

Vi segnaliamo con grande piacere il quarto appuntamento di Letterature Festival Internazionale di Roma alla Basilica di Massenzio: martedì 19 giugno alle 21.00 la serata dal titolo ‘Generi classici e nuovi’! Protagonisti lo scrittore americano Glenn Cooper, brillante archeologo e medico, considerato tra i migliori scrittori di thriller storici e autore di best sellers internazionali tradotti in tutto il mondo, tra cui l’ultimo è Il debito (casa editrice Nord), ambientato negli archivi vaticani; lo scrittore siriano Khaled Khalifa, autore dell’Elogio dell’odio (Bompiani, 2011) che lo ha fatto conoscere al grande pubblico, da sempre critico nei confronti del governo siriano e per questo osteggiato nel suo Paese; lo scrittore e filosofo spagnolo Paul B. Preciado, attivista transfemminista e tra i più importanti esponenti di studi di genere e politiche sessuali. Il suo primo libro Manifesto Contra-Sexual è diventato un punto di riferimento per l’attivismo trans e queer in Europa; lo scrittore italiano Marcello Simoni, ex archeologo e bibliotecario, autore di diversi saggi storici e, per oltre un anno, in testa alle classifiche con il thriller medievale Il mercante di libri maledetti (2011), romanzo d’esordio, i cui diritti di traduzione sono stati acquistati in diciotto Paesi. Ognuno di loro leggerà al pubblico un testo inedito ispirato al tema scelto per questa edizione, il diritto e il rovescio, una riflessione sulla arbitrarietà e ambiguità delle parole, sui molteplici significati, a volte opposti, che l’uso che ne facciamo può determinare. La serata sarà accompagnata dalla musica di H.E.R. (violino acustico e elettrico). L’edizione 2018 di Letterature Festival Internazionale di Roma – promosso dall’Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale, curato dall’Istituzione Biblioteche di Roma e organizzato da Zètema Progetto Cultura – si svolge dal 7 giugno al 3 luglio 2018 nella Basilica di Massenzio al Foro Romano con un programma di otto serate ideato e diretto da Maria Ida Gaeta con la regia di Fabrizio Arcuri. La manifestazione è realizzata con il sostegno di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori e con il contributo di Acea.
Di seguito qualche cenno biografico dei protagonisti della serata:
Glenn Cooper
Da ragazzo frequenta archeologia all’università di Harvard, poi studia medicina, successivamente inizia una carriera nella ricerca farmaceutica e nel frattempo comincia anche a scrivere sceneggiature e a studiare produzione cinematografica. Una vita lavorativa molto intensa che si apre infine alla scrittura narrativa con il suo primo libro, The Library of the Dead pubblicato e tradotto in 31 paesi, un bestseller internazionale, così come tutti gli altri libri che pubblicherà da Il libro delle anime a I custodi della biblioteca alla nuova trilogia, Dannati. Scrive anche altri romanzi, tutti radicati in eventi storici e che riguardano luoghi e persone realmente esistiti. La casa editrice Nord in Italia pubblica tutti i suoi libri, anche l’ultimo, Il debito, ambientato negli archivi vaticani.
Khaled Khalifa
È nato in un villaggio vicino ad Aleppo, quinto di tredici figli. Dopo gli studi in legge, ha fondato la rivista di letteratura «Aleph», proibita dopo pochi mesi dalla censura siriana. Il suo primo romanzo, The Guardian of Deception (1993), ha ricevuto gli elogi della critica internazionale. Il suo terzo romanzo Elogio dell’odio, pubblicato da Bompiani nel 2011, ha conquistato l’attenzione della stampa mondiale e il quarto romanzo, No Knives in the City’s Kitchens (2013), pubblicato in Italia da Bompiani nel 2018 con il titolo Non ci sono coltelli nelle cucine di questa città, gli è valso la Medaglia Naguib Mahfouz per la Letteratura ed è stato tradotto in varie lingue. L’ultimo romanzo, Death Is Hard Labor, è stato pubblicato nel 2015. Scrive anche per il cinema e la televisione. Vive a Damasco.
Paul B. Preciado
Paul B. Preciado è un filosofo, attivista transfemminista e uno dei più importanti studiosi di genere e politiche sessuali. Laureato in Filosofia e Teoria dell’Architettura a Princeton, ha conseguito un Master in Filosofia e Teorie di Genere presso la New School in New York studiando con Agnes Heller e Jacques Derrida. È curatore del Public Programs di Documenta 14 (Kassel/Atene). Il suo primo libro Manifesto Contra-Sexual (2002) è stato acclamato come “Il libretto rosso della teoria queer” ed è diventato un punto di riferimento per l’attivismo trans e queer in Europa. Il suo libro Pornotopia (Fandango Libri, 2011) ha vinto il premio Sade in Francia. Nel 2015 sempre per Fandango libri ha pubblicato Testo tossico. Sesso, droghe e biopolitiche nell’era farmacopornografica.
Marcello Simoni
Ex archeologo, laureato in Lettere, svolge attualmente il lavoro di bibliotecario. Ha pubblicato diversi saggi storici e partecipato all’antologia 365 racconti horror per un anno, a cura di Franco Forte (2011). Altri suoi racconti sono usciti per la rivista letteraria «Writers Magazine Italia». Con Il mercante di libri maledetti (Newton Compton 2011), il suo primo romanzo, ha vinto il Premio Bancarella. Nel 2012, sempre con Newton Compton, e fino al 2014, pubblica altri romanzi e racconti. Appare nel 2016, per Einaudi Stile Libero, Il marchio dell’inquisitore e nel 2018 Il monastero delle ombre perdute.

PER SAPERNE DI PIÙ

http://www.festivaldelleletterature.it/

SOLO QUATTRO IMMAGINI

4 recommended