Solo Menti

Silvia Stucchi

• Bookmarks: 4

 

Sono nata a Treviglio (Bergamo), dove ho frequentato il liceo classico; mi sono laureata in Lettere classiche presso l'Università Cattolica di Milano con una tesi su Petronio, ho conseguito il titolo dottore di ricerca in Filologia e Letteratura latina presso l'Università degli Studi di Milano sempre lavorando sul Satyricon, che rappresenta il mio primo ambito di studio. Successivamente, nel 2013, ho conseguito una seconda laurea presso l’Università Ca’Foscari di Venezia con una tesi in Storia della Storiografia Antica, con una tesi sull’annalistica latina.

Insegno Latino nei licei della provincia di Bergamo, attualmente al “Don Lorenzo Milani” di Romano di Lombardia, e sono docente di Lingua e Letteratura latina nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università Cattolica di Milano, rispettivamente per i corsi di laurea in Lettere Moderne (dal 2006) e Scienze dei Beni Culturali (dal 2012). Collaboro inoltre con l'Università degli Studi di Milano (centro SLAM) come membro dell'Albo regionale dei Formatori Linguistici (Latino), e dall'anno 2021-2022 sono docente presso il corso di Laurea in Scienze dei Beni Cultuali dell'Università degli Studi di Milano (Letteratura Latina - gruppo G-Z) . Ho pubblicato articoli e saggi su Petronio e la ricezione del Satyricon; su Seneca tragico e Lucano, su Silio Italico, sull' Aegritudo Perdicae e su Cesare, sulla tematica del lutto in Plinio il Giovane, su Cassio Emina, nonché sulla ricezione di Lucrezio e Petronio nel XVII secolo in Francia e sulle riscritture petroniane nella Letteratura Italiana della seconda parte del Novecento.

Socia della Sien (Société Internationale des Etudes Neroniennes) e della Siac (Società Internazionale degli Amici di Cicerone), dal 2005 collaboro con le edizioni Ares, e con varie testate, fra cui “Studi Cattolici”; “ilsussidiario.net”; “Libero”. Ho pubblicato un volume, Antiche consolazioni (Ed. Medusa, Milano 2007), sulla consolatio come genere letterario, e sull'ekphrasis a soggetto mitologico: Venere, un percorso nella poesia e nella letteratura (Milano 2008). Amo praticare l’esercizio della traduzione, e nel 2016 per “Vita & Pensiero” ho tradotto, con un breve commento, l’ Apologia di Apuleio. Nel 2018 ho pubblicato per EDB "Lettera sul suicidio", traduzione e commento della Lettera 70 di Seneca, e nel 2020 per Marietti 2020 la traduzione del Rudens di Plauto: Plauto, "La gomena" e Farsi coraggio, sempre sulla tematica consolatoria nella letteratura classica. Con le edizioni Ares di Milano ho pubblicato due saggi: Come il latino ci salva la vita (2020) e A cena con Nerone" 2021), dedicato alla cucina e ai riti della convivialità nella Roma antica.

Sono appassionata di storia, e sono un’avida lettrice romanzi storici e letteratura gialla: in particolare, sono una ammiratrice della scrittura di Agatha Christie, cui ho dedicato Agatha Christie. Dalla pagina allo schermo (Ed. Booktime, 2022), e di fumetti, Disney e manga. Sulle "Rose di Versailles" di R. Ikeda e sul suo adattamento televisivo ho pubblicato Lady dal fiocco blu? Cinquant’anni con Oscar (Graphe.it 2022).

SOLO TRE DOMANDE

  • Mi de­scri­vo con solo tre ag­get­ti­vi
    • Ostinata.
    • Creativa.
    • Philokalos (amante del bello).
  • Il solo even­to che mi ha cam­bia­to la vita
    • Conoscere la mia adorata nonna Elvira e condividere i miei primi anni con lei: un imprinting indelebile.

SOLO qualche IMMAGINe

 

4 recommended