Solo Parole

Le novità di Armando Editore di fine maggio

• Bookmarks: 45

 

Le novità di Armando Editore di fine maggio: "Guarda come una donna. Storia nelle storie" A cura di Emerita Cretella e Michela Nacca. Prefazione di Alma Maria Grandin. "Amore nella stanza d'analisi. Psicologia integrata, individuale e di gruppo. Frammenti di teoria e di narrazione" di Livia Pedrotti Stocchiero. "ZeroSei" di Settimio Marcelli.

GUARDA COME UNA DONNA. STORIA NELLE STORIE

A cura di Emerita Cretella- Michela Nacca. Prefazione di Alma Maria Grandin.

Il saggio è caratterizzato da 17 storie di altrettante donne, amiche, impegnate in diversissimi ambiti professionali ma accomunate da un unico sentire e un obiettivo chiaro: attivare azioni che aiutino la politica, la cultura, gli organismi internazionali, la comunità accademica, l’arte, le istituzioni e la società tutta a raggiungere quella parità di genere che fino ad oggi ci è ancora negata. Il saggio che ne è derivato è frutto di riflessioni e azioni che rispecchiano le storie, le lotte e le speranze di donne che cercano insieme strade nuove per un cambiamento culturale, sociale e politico necessario a gettare le basi di una rivoluzione per una società finalmente del tutto paritaria.

Nelle pagine che seguono, trovate le nostre vite, storie reali che vi consegniamo, testimonianze intime, prosa contemporanea: quello che abbiamo vissuto, quello che siamo e che vorremmo essere. E ai nostri sguardi abbiamo voluto aggiungere anche i pensieri e la forza di altrettante donne che ci hanno preceduto. Le abbiamo volute con noi perché sono simbolo di forza e di coraggio. Ognuna di loro ha tracciato percorsi imbattuti e disegnato una nuova mappa di valori e di diritti, creando le basi per una coscienza femminile più consapevole, più indipendente, più libera. In attesa di mettere fine alle emarginazioni secolari segnaliamo il loro esempio. A loro, alle donne di tutte le epoche, dobbiamo molto e da loro abbiamo molto da imparare. Ma, soprattutto, abbiamo il dovere di non dimenticarle. (Dalla Prefazione di A.M. Grandin)

Emerita Cretella, Antropologa esperta sulle tematiche di genere e gli stereotipi culturali femminili, da decenni attivista nel mondo della politica femminista. Laureata presso l’Università degli Studi di Firenze ha conseguito presso l’École des hautes études en sciences sociales il DEA in anthropologie sociale et historique de l’Europe. All’Università degli studi Urbino Carlo Bo ha conseguito il perfezionamento in scienze storico antropologiche delle religioni. Ha svolto ricerche, tenuto corsi, seminari e ha collaborato con le cattedre di Antropologia Culturale e Storia delle Tradizioni Popolari presso l’Università della Calabria. Ha scritto testi e lavori teatrali sulle tematiche femminili.

Michela Nacca, nata a Roma nel 1968, è Dottore in Diritto Canonico e in Diritto Civile alla Pontificia Università Lateranense, Avvocata del Foro italiano e dello Stato Città del Vaticano, dal 1995 è Avvocata della Rota Romana e della Segnatura Apostolica. Dal 2017 è Presidente e cofondatrice della Associazione di promozione sociale Maison Antigone occupandosi attivamente di violenza e discriminazione contro le donne ed i minori, in particolare di “violenza istituzionale” agita nei Tribunali su madri e bambini: tema riguardo il quale collabora in studi effettuati con centri accademici internazionali.

AMORE NELLA STANZA D’ANALISI. Psicologia integrata, individuale e di gruppo. Frammenti di teoria e di narrazione.

Di Livia Pedrotti Stocchiero.

Questo è un saggio divulgativo e coinvolgente, in cui le riflessioni teoriche sulla psicoterapia vengono sostenute dal racconto e dall’analisi di 28 casi emblematici di pazienti. Il sogno accompagna l’avventura psicoterapeutica come in un viaggio, dove coraggiosi esploratori tra passato e presente, sono alla scoperta di verità celate.

Pur presidiando tempi, luogo e regole della terapia, nell’arco delle sedute individuale e di gruppo, mi pongo fuori dal castello dell’analista silenzioso: intervengo per sottolineare qualcosa di importante che viene detto ma ignorato, per far venire alla luce un evento rimosso, per leggere il traffico transfert/controtransfert, per proporre il canovaccio di un sogno. Questa mia presenza attiva promuove una migliore alleanza terapeutica e il piacere nella relazione.

LIVIA PEDROTTI STOCCHIERO ha un curriculum sfaccettato. Appena laureata, è tra i primi allievi della Scuola di Psicosocioanalisi ARIELE di Milano, fondata da Luigi Pagliarani. Poi ne diviene docente e conduttrice di Dinamiche di gruppo. Nel 1993 entra nel primo Albo degli Psicologi e nell’Elenco degli Psicoterapeuti. Da trentacinque anni lavora come psicoterapeuta individuale, e soprattutto di gruppo.

ZeroSei

Di Settimio Marcelli

Chi l’ha detto che mentre stai per morire ti passa tutta la vita davanti agli occhi in un momento? Non è così, è lei, la morte, che ti tiene in sospeso per farsela raccontare da te la tua vita. Almeno questo crede ZeroSei, il protagonista della storia, nel momento in cui vede che gli stanno puntando contro una pistola e sono sul punto di premere il grilletto. Chissà se è proprio così. Forse sta sognando. Oppure gli hanno già sparato ed è in coma in un letto d’ospedale. Non importa. Intanto ingaggia un corpo a corpo con la morte, che lo conosce bene. Non è la prima volta che ZeroSei si mette nei guai. Per questo lei gli si presenta in forme familiari. Perché la morte non è lo scheletro con la falce in mano. Tutt’altro. Lei assume l’aspetto dei nostri pensieri, dei nostri desideri. Così ZeroSei racconta la sua vita, da bambino cresciuto in un quartiere popolare di Roma ad attivista politico negli anni Settanta, poi, con la fine delle illusioni, spaccia droga, sfrutta la prostituzione, organizza truffe e imbrogli. Anche se non in questo ordine. Perché deve stare attento a non annoiare la morte, altrimenti le cose possono mettersi male.

SETTIMIO MARCELLI nato a Roma nel 1956, è insegnante di Storia e Filosofia. Studioso della comunicazione, ha collaborato a lungo con l’Ufficio Studi della Rai, pubblicando per la Eri-Edizioni Rai volumi come Scripta Volant. Viaggio nel Televideo della Rai (1991) e Il Gran Simpatico. Telematica, Nuovi Media, Multimedialità (1994). Attualmente collabora con la Fondazione Censis; in particolare è tra i responsabili, fin dal 2001, del Rapporto annuale sulla comunicazione in Italia, arrivato nel 2023 alla diciannovesima edizione. Tra le pubblicazioni recenti: La Ragnatela di Babele. Pensieri per l’era digitale (2013) e tre romanzi: Le Rose di Babel (2014), Aziz. Marinaio Metropolitano (2015) e Le Sette Lune di Eloisa (2020).

le copertine

45 recommended